Cookery Lab

Scuola di pasticceria a Milano

Seguici su

News

Corsi, appuntamenti, fiere ed eventi

Intervista a Manuela Taddeo

Pubblicato
Pubblicato in: intervista - alunni - mabanuby

Manuela Taddeo in Cookery Lab
Perché hai scelto il nostro corso, quali erano le tue aspettative?

Il mio primo incontro con il Cake Design risale al Natale del 2011, quando rimasi affascinata da un libro di torte americane, e coinvolsi e trascinai Barbara Borghi, carissima amica e ora anche socia, al primo corso di cake design a febbraio… ne seguirono molti altri per entrambe, in cui abbiamo potuto approfondire tecniche diverse, e molte torte fatte insieme in cui sperimentarle… 
Al Cake Design Italian Festival del 2013 ho scoperto i corsi di Cookery Lab, in collaborazione con la Confederazione Pasticceri Italiani, proprio quando la nostra passione cominciava a richiedere delle basi di pasticceria più consolidate di quelle amatoriali coltivate da sempre nelle nostre cucine, e l’esigenza di una veste più professionale.

É stata una tappa importante nella tua crescita professionale? Perché?

Più che una tappa è stata una svolta professionale, in un momento di stallo della mia attività di Architetto, ho sentito che realizzare questo sogno era finalmente possibile, e che il percorso di studio intrapreso con sacrificio e dedizione negli ultimi due anni poteva cambiare la mia vita.
Era l’occasione adatta per mettermi a confronto con dei professionisti, che mi hanno dato molto e tolto tanti dubbi e tante incertezze sulle tecniche, e ho potuto vedere più chiaramente quale e quanto lavoro di approfondimento andava ancora fatto per ottenere una formazione più completa, perché anche questa era una nuova occasione per imparare.
Non posso negare che i molti corsi di decorazione frequentati sia in Italia che in Inghilterra mi avessero già dato delle buone basi di decorazione, ma da Cookery Lab ho potuto riconsiderare la professione del Pasticcere in modo più completo.

Manuela Taddeo e Luigi Musio
Di quale lezione/insegnante conservi un ricordo particolare? (anche non strettamente legato ad una lezione)

Gli insegnanti sono stati tutti bravissimi e molto preparati, con una gran voglia di trasmetterci le loro conoscenze, ma non posso negare che fin dal primo incontro si sia creata una grande sintonia con Luigi Musio, professionista di grande esperienza, forse per la condivisione di due grandi passioni come la ghiaccia e lo zucchero artistico, ma soprattutto per l’umiltà e la generosità d’animo che lo contraddistinguono.
Conservo un bel ricordo anche di Martina Presta, di cui ammiro la tenacia e condivido l’entusiasmo, che per la sua giovane età ha già fatto importanti esperienze, e sa essere di grande ispirazione per chi, alla mia, decide di cambiare completamente la sua vita e seguire un sogno.

Ora passiamo alle sensazioni personali 
Cosa ti ha lasciato a livello umano? Rifaresti tutto da capo?

E’ stato bellissimo poter incontrare nuove persone che hanno la tua stessa passione e sono mosse dall’entusiasmo di scoprire e imparare tante cose, ti arricchisce e ti dà la forza di spiccare il volo; se si è fortunati come nel mio caso, nascono delle vere amicizie che durano nel tempo. 

Riassumi le tue 2 settimane in una frase

Una esperienza unica che ha dato forma ai nostri sogni.

E per concludere raccontaci della tua attività: hai aperto un tuo locale, dove e perché?
il corso ha dato un contributo concreto nello spingerti ad aprire?

MABANUBY Manuela Taddeo e Barbara Borghi
Con il diploma Conpait del corso base di 80 ore di Cookery Lab di ottobre e il corso HACCP per la manipolazione di alimenti, il sogno ha cominciato a prendere forma…  Eravamo finalmente certificate per trasformare la nostra passione in una nuova attività!
Trovato il posto adatto, ad Aprile 2014 io e Barbara abbiamo aperto il Laboratorio di MABANUBY cake design a Milano, sotto i portici della stazione del passante Certosa. 
Un piccolo negozio a due vetrine accoglie i nostri clienti, e sugli scaffali interni abbiamo esposto la maggior parte delle nostre creazioni, realizzate per concorsi e fiere in una magia di forme e variopinti colori, in cui sono applicate tutte le tecniche del cake design che utilizziamo quotidianamente nella decorazione, come fiori di zucchero, ghiaccia, modelling, zucchero artistico e cioccolato plastico, un vero campionario che ci aiuta ad indirizzare le scelte della clientela durante gli ordini, e che rapiscono lo sguardo di grandi e piccini.
Sul retro si sviluppa il nostro piccolo regno, il laboratorio dove prepariamo e decoriamo i nostri dolci, e dove passiamo la maggior parte delle nostre giornate, tra le attrezzature e sui banchi di lavoro.

Cosa proponete a livelli prodotti /servizi?

Realizziamo per la maggior parte torte artistiche su ordinazione per ogni occasione, dalle cerimonie ai compleanni, agli eventi, perché come dice il nostro motto
 “Ci sono momenti speciali in cui il dolce DEVE stupire”!
Ma nella nostra produzione non possono mancare biscotti decorati, macaron, cupcakes, cake pops e confetti decorati per bomboniere, che a volte utilizziamo per l’allestimento di vere e proprie Sweet Table coordinate alla torta, ma realizziamo anche torte più tradizionali e di pasticceria moderna.
Collaboriamo con diverse wedding e party planner e offriamo un servizio di allestimento completo.
La nostra scelta è stata di abbinare le ricette della pasticceria classica italiana alle decorazioni in pasta di zucchero, per incontrare il gusto locale, ma facciamo anche torte tipicamente anglosassoni, prestando particolare attenzione alla qualità delle materie prime e alla preparazione senza conservanti e senza l’uso di preparati.


Quali obiettivi per il futuro?
Negli ultimi 2 anni due vittorie consecutive al Cake Festival e due medaglie d'oro a Birmingham, quale il prossimo obiettivo/concorso?

Il 2014 ci ha riservato grandi soddisfazioni, tra cui l’inaspettata vittoria del Cake Festival di Milano Malpensa nella categoria del Royal Icing, che mi ha dato una grandissima emozione, con una torta che ho molto amato sia per la sua progettazione che nella realizzazione, e che ha incontrato l’ammirazione e il favore di molti.
E’ stata particolarmente apprezzata da Kathleen Lange, divenuta in seguito mia maestra e amica, da cui ha ricevuto una menzione speciale e da Sir.Eddie Spence MBE, ed è stata pubblicata su una rivista americana.
Lo studio di questa tecnica molto nota in Inghilterra e meno in Italia, ha richiesto anni di corsi e molta dedizione, e la sento particolarmente mia come espressione artistica e decorativa. 
Dopo un tale successo e con l’incoraggiamento dei miei insegnanti, non potevo esimermi dal provare con una competizione internazionale, e al Cake International di Birmingham ho ottenuto una medaglia d’oro e secondo posto di categoria con una torta realizzata in Royal Icing e una medaglia d’argento con una torta di modelling… un debutto di tutto rispetto!
Poi quest’anno è arrivata la seconda vittoria consecutiva al Cake Festival nella categoria ghiaccia e un altro oro a Birmingham, reso ancora più prezioso dal primo posto di categoria.
I prossimo obiettivo fisato è la partecipazione alla competizione di GlamourItalianCake al SIGEP di Rimini a gennaio 2016, le competizioni sono per noi una meravigliosa occasione per metterci alla prova e sperimentare nuove espressioni artistiche, chissà poi dove ci porterà il nuovo anno…

Commenti

Immagini